Come gestire il parco mezzi se sei un’azienda di Autotrasporto

Come gestire il parco mezzi se sei un’azienda di Autotrasporto

Gestire il parco veicoli per un’azienda di autotrasporto richiede una pianificazione e un’organizzazione che siano il più oculate possibile per assicurare un funzionamento efficiente, facendo attenzione ai costi e all’impatto ambientale, considerazione ormai imprescindibile per qualunque business.

Si tratta di aziende che hanno costituito il proprio business su una flotta veicoli come camion, furgoni o veicoli commerciali, per soddisfare tutte le esigenze di trasporto, operando a livello locale, nazionale o internazionale. 

 

Quali sono le criticità di gestione in una flotta di autotrasporto?

Un’azienda di autotrasporto, come dice il nome stesso, è un’organizzazione che offre servizi per il trasporto di merci (principalmente) da un luogo a un altro, muovendo una vasta gamma di prodotti con peculiarità gestionali diverse, si pensi ad esempio al trasporto di alimenti freschi e deperibili a differenza di varie tipologie di materie prime industriali ecc.

Si tratta di mezzi sottoposti a continue sollecitazioni che devono percorrere molti chilometri nell’arco dell’anno.

Pertanto due sono i tempi principali: il contenimento dei costi e la sicurezza di autisti e carichi

Il controllo di gestione è quindi indispensabile per avere una restituzione quotidiana dello status dei mezzi a fine turno, della loro ubicazione e soprattutto per avere un attento costo chilometrico.

Un software di monitoraggio flotta può permettere di avere dati puntuali rispetto alle condizioni dei mezzi e dei carichi, come ad esempio avarie legate al motore o alla sensoristica installata nel rimorchio o nel vano di trasporto.

Anche conoscere la rete di supporto in tempo reale per qualsiasi forma di assistenza di cui necessita il proprio veicolo e il proprio driver è un elemento da considerare all’interno delle criticità gestionali.

 

Come ottimizzare la gestione flotta per mezzi pesanti e veicoli commerciali

Gestire il parco mezzi di un’azienda di autotrasporto richiede l’implementazione di diverse strategie, con l’obiettivo di ottimizzare le operazioni di trasporto, ridurre i costi e migliorare la sicurezza sulle strade.

 

Puntare sui dati analitici grazie a un sistema di fleet management


Monitoraggio e telematica: Utilizza sistemi di monitoraggio e telematica per tenere traccia della posizione dei veicoli, monitorare i tempi di guida, il consumo di carburante e altri parametri importanti. 

Pianificazione delle rotte: Sviluppa un sistema di pianificazione delle rotte efficiente che tenga conto dei fattori come il carico, la distanza, il traffico e i requisiti di consegna. Ottimizza le rotte per ridurre la distanza totale percorsa, risparmiare tempo e minimizzare i costi operativi. Il tutto collegando i dati al software di gestione.

Manutenzione preventiva: Esegui regolarmente la manutenzione preventiva dei veicoli per assicurarti che siano in buone condizioni di funzionamento. Pianifica ispezioni regolari, controlli tecnici e sostituzione dei componenti necessari. Questo contribuirà a ridurre le interruzioni impreviste e a garantire che i veicoli siano sicuri sulla strada.

Gestione del carburante: Monitora attentamente l’utilizzo del carburante e adotta politiche di gestione efficaci per ridurre i costi. Puoi considerare l’installazione di sistemi di controllo del carburante, l’utilizzo di schede carburante per tenere traccia delle spese e l’addestramento dei conducenti su tecniche di guida efficienti dal punto di vista del consumo di carburante.

 

Formazione ai conducenti in guida sicura e guida ecologica

 

La formazione degli autisti riveste un ruolo fondamentale nella gestione di un’azienda di autotrasporto. Gli autisti sono i professionisti che conducono i veicoli e svolgono un compito cruciale nell’assicurare la consegna sicura e puntuale delle merci ai clienti. 

Investire in formazione significa acquisire informazioni di:

  • sicurezza stradale
  • tecniche di guida efficienti
  • gestione del carico
  • rapporto con la tecnologia di bordo

Sicurezza stradale: gli autisti devono essere adeguatamente formati sulle norme del codice della strada, sulle buone pratiche di guida prudente e sulle procedure di emergenza. Devono essere consapevoli dei rischi sulla strada e delle misure per prevenirli, inclusi l’uso corretto delle cinture di sicurezza, il rispetto dei limiti di velocità e la gestione appropriata delle situazioni di traffico intenso.

Tecniche di guida efficienti: si tratta di tecniche di guida che consentono di ridurre il consumo di carburante e l’impatto ambientale. Questo può includere l’adozione di una guida più fluida, l’anticipazione degli ostacoli sulla strada, la riduzione dei tempi di inattività del motore e l’utilizzo dei sistemi di controllo della velocità.

Gestione del carico: Una corretta gestione del carico contribuisce alla stabilità del veicolo e alla sicurezza durante il trasporto. Devono conoscere i principi di distribuzione del peso, le tecniche di ancoraggio della merce e le normative riguardanti il carico e lo scarico sicuro delle merci. 

Utilizzo delle tecnologie di bordo: è importante fornire una formazione sull’uso corretto dell’elettronica installata sui mezzi, come i sistemi di navigazione, i dispositivi di comunicazione e i sistemi di monitoraggio del veicolo. 

La formazione continua degli autisti è importante e impatta positivamente in termini di contenimento dei costi di carburante e sugli interventi di manutenzione dei mezzi. 

Le aziende di autotrasporto dovrebbero offrire aggiornamenti regolari sulle nuove normative, sulle tecnologie emergenti e sulle migliori pratiche di settore. Inoltre, la formazione sulla gestione dello stress, sulle abilità di comunicazione e sulla gestione delle situazioni critiche può contribuire a migliorare le competenze e la professionalità degli autisti.

Drivevolve può supportare le aziende di autotrasporto sia attraverso la Formazione con Fleedrive, sia con i software di Fleet Management Fleeway, che permette di adattare alle esigenze di ogni singola flotta ogni tipo di misurazione. Richiedi maggiori informazioni o prenota dirrettamente una demo gratuita.

A tutti gli effetti i corsi possono definirsi strumenti aziendali, che permettono di aumentare consapevolezza degli autisti rendendoli parte attiva del processo di gestione dei veicoli. 

Massimiliano Collino

Area commerciale e sviluppo

Laureato In Studi Giudirici all’Università Cattolica di Milano, opero da quasi 10 anni nel Mondo del Fleet Management, occupandomi soprattutto di formazione per i drivers e seguendo lo sviluppo delle tecnologie da applicare alla gestione della flotta aziendale. Mi sono appassionato al mondo automotive seguendo l’evoluzione tecnologica dei mezzi e dei loro stili di guida, applicando poi alla gestione gli innovativi metodi di Lean per una visione più integrata e snella dei processi di gestione aziendali.