5 Best Practice da rispettare se gestisci il parco auto aziendale

5 Best Practice da rispettare se gestisci il parco auto aziendale

Il ruolo del fleet manager è oggi sempre più completo e complesso.

La gestione del parco auto è composta da tante attività a seconda delle tipologie sia di approvvigionamento dei veicoli che dal core business dell’azienda.

Certamente il ruolo del car fleet manager ha subito nel corso degli ultimi anni una grande evoluzione; spesso ormai le attività non si limitano alla semplice cura del parco mezzi, ma vengono sempre più richieste dalle aziende attività di analisi e approfondimento, ricerche sulle evoluzioni della mobilità e l’inserimento di strumenti software per l’ottimizzazione di costi e risorse.

In questo scenario cerchiamo di fare chiarezza e di elencare quali possono sono le 5 best practice (più una) da rispettare se gestisci il parco auto della tua azienda.

  • Verifica i bisogni aziendali;
  • Scegli gli strumenti di supporto alla gestione;
  • Migliora la sicurezza della flotta;
  • Redigi le policy aziendali;
  • Analizza e approfondisci i dati.

Andiamo ad approfondire insieme come questi punti possano fare una grande differenza nell’approccio di metodo alla gestione.

 

Verificare i bisogni aziendali e di gestione del parco auto

Approfondire l’analisi sulla nostra flotta è sempre importante, dalla scelta dell’approvvigionamento dei veicoli alla tipologia dei mezzi, tutto concorre alla possibilità di dare una soluzione corretta al bisogno del driver, assicurando un mezzo che rispecchi al massimo le attività operative e quelle amministrative di budget e di sostenibilità.

 

Scegliere gli strumenti di supporto alla gestione flotta

È necessario sfruttare al meglio la tecnologia a disposizione nel mondo della gestione della flotta aziendale. I Fleet manager cercano i software e sistemi di gestione più adatti per avere tutti i dati a propria disposizione in modo facile e analitico, oppure effettuare analisi che permettano di costruire una soluzione efficace per l’abbattimento dei costi, oggi sempre più importante. Verificare in tempo reale costi e localizzare i mezzi aziendali, aumenterà i dati in possesso e renderà sicura e moderna la nostra flotta.

 

Migliorare la sicurezza della flotta

La sicurezza della flotta può essere vista sotto un duplice aspetto: 

  1. Avere mezzi sempre manutentati;
  2. Avere autisti formati e preparati alla guida.

Il controllo continuativo dei mezzi contribuisce sia ad avere mezzi sempre efficienti, anticipando anche eventuali manutenzioni straordinarie, che ad avere mezzi sicuri per gli utilizzatori; a questo potrebbe concorrere, oggi come oggi, avere una flotta sempre geo-localizzata con strumentazioni dedicate alla raccolta dei dati di diagnosi.

La preparazione e la formazione dei driver è sempre più importante. la formazione dedicata alla guida sia dell’autovettura che del mezzo pesante, è fondamentale per garantire una minor incidentalità da un lato e minori costi di gestione dell’altra.

 

Approvare la car policy aziendale

Definire quali siano le metodologie di gestione della flotta aziendali aiuta sempre ad avere degli indicatori interni e una certezza delle attività. 

Alcuni punti di riflessione per una corretta Car Policy sono tra gli altri: 

  1. Gestione e Utilizzo del veicolo;
  2. Corretto comportamento nell’uso del Veicolo;
  3. Figure e compiti dedicati alla gestione. 

Oltre a questi spunti, una policy completa può avere per ogni azienda specifiche attività o procedure che sono rappresentative delle attività svolte.

 

Analizzare e approfondire i dati raccolti

Analisi in primis. 

È sempre più importante fare analisi e approfondire la visione strategica di come si muove la flotta, sia in termini di costi che di attività. 

Avere la vision di un Fleet management 4.0, mi permetterà di scegliere gli strumenti migliori per ottenere le informazioni in modo facile e sicuro, aiutandomi a dare le risposte giuste ai bisogni aziendali.

 

Formazione per Fleet Manager

Questo è il consiglio extra che vogliamo dare: la formazione!

Il ruolo del Fleet Manager come abbiamo detto in apertura è relativamente nuovo, e spesso è ricoperto da figure appartenenti all’amministrazione o alla logistica dell’azienda.

Ecco perché i corsi di formazione per fleet manager sono uno strumento di aggiornamento rispetto alle pratiche e al panorama tecnologico presente sul mercato. La stessa richiesta di una demo può far parte delle occasioni formative per una migliore strategia di gestione flotta.
Si trovano soluzioni diverse:

  • e-learning,
  • formazioni relative alla gestione, alle tecnologie, allo stile di guida, sulla car policy,
  • master universitari,
  • seminari e webinar organizzati dalle associazioni di categoria.

La stessa DRIVEvole organizza formazioni periodiche e personalizzate.

Massimiliano Collino

Area commerciale e sviluppo

Laureato In Studi Giudirici all’Università Cattolica di Milano, opero da quasi 10 anni nel Mondo del Fleet Management, occupandomi soprattutto di formazione per i drivers e seguendo lo sviluppo delle tecnologie da applicare alla gestione della flotta aziendale. Mi sono appassionato al mondo automotive seguendo l’evoluzione tecnologica dei mezzi e dei loro stili di guida, applicando poi alla gestione gli innovativi metodi di Lean per una visione più integrata e snella dei processi di gestione aziendali.